Namibia

La nostra valutazione per mese

La Namibia, una terra selvaggia in un angolo occidentale dell’Africa meridionale, è in gran parte desertica, coperta da un terriccio che sfuma dal color rosso, al rosa, all’arancione e all’oro. E’ caratterizzata da distese rocciose, dune sabbiose e panorami lunari e aridi direttamente affacciati alla costa sul mare ad ovest, mentre verso est iniziano ad alzarsi gli altopiani con un sali e scendi che prosegue fino al deserto del Kalahari al confine con il Botswana. E’ anche terra di safari, dove ammirare gli esemplari tipici africani, giraffe, elefanti, leoni, zebre, solo per citarne alcuni.

Troverete spettacolari panorami nel Deserto di Namib, nelle zone di Deadvlei e Sossusvlei, con l’arido suolo bianco quasi pietrificato, qualche albero spoglio qua e là ed il contrastante sfondo con le più alte dune sabbiose al mondo, che alternano continui giochi di luce ed ombre dai colori rossastri. Il clima arido ed ostile ha plasmato questo pizzico d’Africa in un luogo unico al mondo. Per la sua natura, ancora autentica ed incontaminata, sembra che il tempo si sia fermato all’era preistorica. Un timido corso d’acqua cerca di farsi strada tra il deserto fino a confondersi nuovamente con la pianura sabbiosa, ed è qui che si possono vedere uccelli ed esemplari rari di animali, è la zona del fiume Tsauchab.

Tra un safari e l’altro, non potete perdere i graffiti e le pitture rupestri sulle rocce della Valle di Twyfelfontein presumibilmente risalenti all’età della pietra, seguendo i percorsi e le orme degli antichi boscimani che hanno popolato queste terre. I punti di interesse più frequentati dai turisti sono i parchi nazionali Etosha, Namib, Mudumu ed il Fish River Canyon.

Google Maps

Clicca sulla mappa per avviare la navigazione

Clima

Il clima della Namibia va dal desertico al sub-tropicale. Le stagioni sono invertite rispetto alle nostre, ed il periodo più caldo e più umido si verifica durante il nostro inverno, quando cadono anche le piogge che raramente sono di forte intensità. Nella zona costiera del Deserto di Namib il clima è desertico con scarse piogge, ma le temperature non sono mai eccessive, nè nei valori massimi nè nei valori minimi, grazie alla corrente oceanica.

Nelle zone più interne le temperature iniziano a salire durante il giorno e nella stagione estiva (dicembre-marzo) quando cadono anche le piogge più abbondanti, specialmente tra gennaio e febbraio. Durante la notte le temperature scendono di molto, soprattutto durante i mesi invernali tra giugno e settembre, quando possono posizionarsi anche sotto lo zero. La zona più piovosa della Namibia è il nord del paese dove si trova il Parco Nazionale di Etosha. Le temperature e le precipitazioni medie contenute nelle seguenti tabelle vi daranno un’idea ancora più chiara sulla situazione climatica.

Il periodo migliore per un viaggio in Namibia è molto ampio e va da marzo a novembre per chi non è spaventato dalle alte temperature, da maggio ad agosto per chi ama un clima un po’ più fresco specialmente la sera.

Per maggiori dettagli sulle precipitazioni e temperature medie consulta le tabelle seguenti.


Annotazioni

Segnalazioni: portate con voi sempre un maglione da usare la sera o la mattina presto, vista la forte escursione termica giornaliera in certe zone.

Link utili

Sito ufficiale del Consolato in Italia www.lanamibia.it

by "QuandoAndare.info"

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *