Il coronavirus Covid-19 ferma il mondo

Covid-19
.

 

Marzo 2020 – Non possiamo stare zitti, anche noi di QuandoAndare.info ci sentiamo di condividere il nostro pensiero con voi nella massima sensibilità possibile, visto il momento così delicato e critico.

L’impatto sull’umanità che ha il virus Covid-19 è devastante e rimarrà impresso nella nostra memoria per sempre.

Chi l’avrebbe mai detto? Una pandemia di questa portata è stata prevista in passato da molti uomini illustri, da Bill Gates, allo scrittore Dean Koontz nel suo libro The eyes of darkness, all’autore di Spillover, David Quammen; di pandemie ne abbiamo anche viste in qualche film di successo, da L’esercito delle scimmie di Terry Gilliam nel 1995 a 28 giorni dopo di Danny Boyle del 2002. Ma nessuno di noi ha mai pensato che la fantascienza potesse un giorno diventare realtà.

Molte volte in passato il mondo è stato interessato da pandemie importanti, dalla peste nera del medioevo, all’influenza spagnola del primo dopo guerra, alle più recenti MERS e SARS i contagi del nuovo millennio, alla più vicina Ebola che ha fatto tremare l’Africa. Ma mai avevamo visto un contagio virale dalle dimensioni così potenti e di ampia scala, dalla velocità con cui i numeri scorrono sulle testate giornalistiche, che di ora in ora galoppano più veloci del tempo.
Quella che stiamo vivendo in questi giorni è una guerra contro il nemico mondiale comune nr. 1: il coronavirus Covid-19.

Il mondo si è bloccato, i cieli si sono liberati dai giganti di acciaio, le strade si sono svuotate, le case si sono riempite, il movimento naturale dei popoli tra i paesi del mondo è stato azzerato. Non si viaggia più!
Nè oltreoceano nè vicino casa. Ci siamo fermati e straniti abbiamo ubbidito agli ordini impartiti dai nostri governatori che attraverso le ordinanze urgenti hanno preso per mano i loro cittadini e con fatica hanno rassicurato che “tutto andrà bene” accompagnandoli nelle loro abitazioni. I numerosi contagiati sono costantemente assistiti dagli angeli in camice bianco, così preziosi ora e poco apprezzati in passato.

Oggi non possiamo che attendere l’evolversi dell’emergenza e con il cuore in mano osservare quelle bare, numerose bare, che escono dagli ospedali e si dirigono nei crematori. Perchè non c’è più spazio per i malati, nemmeno da morti.

L’uomo non può rimanere immobilizzato a lungo, non fa parte del suo essere e del suo naturale istinto alla mobilità, allo stimolo, alla esplorazione ed alla scoperta. Arriveranno i tempi per ricominciare a vivere e scendere nuovamente in strada, i ricercatori stanno correndo contro il tempo per uscire al più presto con una cura efficace ed un vaccino che risolva ogni cosa.

E’ un evento unico, tutti i paesi del mondo si trovano nella stessa situazione, anche se a pagare più degli altri sono per ora la Cina ed il nostro paese. Ma i numeri stanno crescendo ovunque in modo rapidissimo. Solo attraverso l’analisi degli eventi e della rapidità della diffusione nei primi focolai del virus Covid-19 sarà possibile arginare i numeri nei paesi dove i contagi sono appena partiti.

Ricominceremo a viaggiare, più di prima. Perchè non c’è più tempo, perchè rischiamo di perderci la libertà di conoscere mondi nuovi, che solo ora seduti sui nostri divani di casa abbiamo capito quanto preziosa è.

Un augurio sentito a tutti!

QuandoAndare.info

by "QuandoAndare.info"

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *