L’Africa che non ti aspetti: São Tomé e Príncipe

Chi l’avrebbe mai detto che al largo delle coste africane, non molto lontano dal Congo, dal Camerun e dalla Nigeria, ci sia un arcipelago di isole tropicali dalla bellezza naturalistica immensa? Vi presentiamo São Tomé e Príncipe, le isole del cacao.

Preparati al viaggio e salpiamo!

 

L’arcipelago di São Tomé e Príncipe è costituito da due isole maggiori e da un’altra ventina di isole minori. L’origine vulcanica dell’arcipelago rende queste isole particolarmente montuose e ricche di vegetazione rigogliosa, grazie al clima tropicale di cui godono: in passato detenevano il primato mondiale per l’intensa coltivazione di piantagioni di cacao e di caffè. Le isole di São Tomé e Príncipe sono ancora poco conosciute e non sono frequentate dal turismo di massa: è consigliato rivolgersi ad una guida locale per esplorare le loro bellezze, a volte nascoste e difficili da raggiungere.

Iniziamo dall’isola di São Tomé, dove troverete piccole spiagge raccolte tra le tantissime baie che si affacciano su splendide acque color turchese, che permettono di intravedere i fondali bianchi e sabbiosi. Le spiagge più belle ed incontaminate sono quelle di Jalè e Piscina situate al sud. L’isola vi riserverà anche altre meraviglie naturali, come il Pico de São Tomé (2.000 metri sul livello del mare) raggiungibile con una scalata lunga 2 giorni oppure con un trekking in giornata per godere della vegetazione lussureggiante circostante.

 

Durante il vostro percorso a zonzo per l’isola di São Tomé vi capiterà di scoprire numerose cascate, come quella di Sao Nicolau, oppure di attraversare la savana per raggiungere le acque cristalline di Lagoa Azul, dove potrete praticare lo snorkeling e godervi una giornata di relax. Giungerete fino alla scogliera “Boca do inferno” – avvolta dal mistero e dalle leggende – uno scherzo della natura dove le acque, scavando la roccia fino all’entroterra, hanno creato dei divertenti giochi d’acqua. Calpesterete la terra dei sentieri della foresta primaria che straordinariamente sopravvive alla presenza dell’uomo. Ma chissà per quanto tempo ancora?

Príncipe è l’isola più piccola ed è situata a nord di São Tomé alla quale assomiglia molto, anche se dal punto di vista naturalistico Príncipe è rimasta più selvaggia dell’isola sorella. Qui la tranquillità regna sovrana ed uccelli, tartarughe e balene trovano nell’isola il loro habitat ideale. Anche nell’isola di Príncipe le spiagge paradisiache attendono il loro momento di fama, per ora sono riservate ai suoi abitanti e ai pochi turisti che riescono a raggiungerle. C’è uno splendido resort sull’isola (si chiama Bom Bom) dove alloggiare ed è una perla preziosa.

Le città coloniali dal passato portoghese vi accoglieranno ad ogni tappa, scoprirete villaggi di pescatori, ma non aspettatevi la modernità dei nostri paesi, bensì un viaggio indietro nel tempo, quando la semplicità delle cose era ancora l’essenza della vita quotidiana.

Ma vediamo ora quando andare a São Tomé e Príncipe?

Il clima delle isole è tropicale, le temperature massime sono alte tutto l’anno e passano dai 30°C di marzo ai 27°C di luglio, mentre le minime oscillano tra i 20 ed i 23°C. Le piogge cadono costanti in questo piccolo angolo dell’Africa immerso nell’oceano e contribuiscono a far crescere una vegetazione tropicale ricchissima, soprattutto sui rilievi centrali. Piove con maggior intensità tra marzo e maggio, oltre ad ottobre e novembre, mentre durante i mesi di dicembre, gennaio e febbraio i fenomeni sono sporadici e si manifestano con rovesci improvvisi ma di breve durata. La stagione secca invece si presenta tra giugno e settembre con cieli limpidi ed un clima più ventilato.

Le acque del mare che le circondano hanno una temperatura che oscilla tra 26°C di luglio ed i 30°C di febbraio, ideali per i bagni in mare in ogni stagione dell’anno. Le isole São Tomé e Príncipe si possono pertanto visitare sia d’estate che d’inverno, preferibilmente nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio, per una pausa dai nostri grigiori invernali e per assaporare il tepore del caldo sole dei tropici.

I voli per raggiungere le isole partono dal Portogallo con la compagnia di bandiera TAP Air Portugal, non ci sono molte altre alternative. Prima di raggiungere il paese dovrete ottenere il visto attraverso il consolato di cui al link a fondo pagina ed eseguire le vaccinazioni obbligatorie contro la febbre gialla e la malaria, al vostro arrivo per poter entrare nel paese dovrete infatti esibire il libretto delle vaccinazioni.

Link utili

Sito del Consolato a Milano

www.consolatosaotome.it.

Prima di partire prendete spunto da questo blog

lillyslifestyle.com/2015/11/03/sao-tome-alla-scoperta-del-sud-dellisola

lillyslifestyle.com/2015/10/30/sao-tome-alla-scoperta-del-nord-dellisola

by "QuandoAndare.info"

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *