Novembre tra New York e l’Andalusia

New York, Central Park

Novembre, l’estate è passata e le vacanze per molti sono già un ricordo lontano, ma per altri è il momento di ricominciare a viaggiare o di programmare il viaggio dell’anno ancora non speso. Vi proponiamo due idee per un autunno all’insegna della cultura, oltre oceano nella metropoli per eccellenza a New York o nella terra del caliente flamenco in Andalusia.

Vivere New York in autunno, specialmente a novembre, vi porterà a scoprire la metropoli immersa nelle festività statunitensi. Dal rito di Halloween con le sue zucche e le notti trascorse dentro a costumi spaventosi alla ricerca del divertimento, ai festeggiamenti nel quarto giovedì di novembre con il Giorno del Ringraziamento, quando gli americani celebrano la giornata con ricchi pranzi a base di tacchino per poi uscire in strada e seguire ovunque parate con carri allegorici e festeggiamenti. Potete finire con l’accensione del classico albero di natale al Rockefeller Center a fine novembre, che detta l’inizio delle festività natalizie, quando New York si arricchisce di altre luci, addobbi a tema e della tipica atmosfera natalizia da film americano. Potrete così sbizzarrirvi anche in una pattinata sul ghiaccio nella sua famosa pista immersa nei grattacieli della città. Gli alberi di Central Park mostrano tutti i colori tipici dell’autunno e creano un paesaggio dai colori caldi in netto contrasto con l’aria frizzante di questo periodo. Le temperature a New York nel mese di novembre sono fredde tipiche della nostra stagione invernale, ma non sono ancora rigide e tipiche dell’inverno newyorkese, quando una fitta coltre di neve copre le strade e gli edifici della città.

L’alternativa più vicina, ad appena un paio di ore di volo dall’Italia, è la regione dell’Andalusia in Spagna. Terra dei ballerini di flamenco, dei tradizionali toreri, dei candidi villaggi e della catene montuose della Sierra Nevada che fanno da sfondo. L’Andalusia riflette una storia complessa, fatta di numerosi invasori che hanno lasciato un segno indelebile. La caratteristica più frequente è la traccia lasciata dai Mori che hanno occupato la regione per secoli, donando tipiche costruzioni in stile moresco in numerosi esemplari. L’inconfondibile stile lo troverete nella Mezquita e nei ruderi della Medina Azahara a Cordova, l’Alcazaba di Almerìa, la Torre del Oro e la Giralda di Siviglia. In stile mudéjar il meraviglioso Real Alcazar di Siviglia e in stile granadino la magica Alhambra di Granada, dove spazio, acqua e luce creano angoli spettacolari dove rivivere la Spagna antica delle dinastie arabe.

Andalusia, l'Alhambra a Granada

Il miglior modo di visitare l’Andalusia è un viaggio tra i parador spagnoli. Castelli, palazzi e monasteri recuperati e situati in località turistiche strategiche, solitamente immersi nella natura e nei paesaggi tipici andalusi. I parador  sono gestiti dallo Stato spagnolo, sono adibiti a struttura alberghiera di alto livello e vi permetteranno di gustare i tipici sapori della cucina regionale. Alcuni tra questi parador sono il Parador de Carmona nei dintorni di Siviglia, il Parador de Arcos de la Frontera in direzione Malaga e Cadice, il Parador de Granada in un convento, il Parador de Ronda situato sulla sommità della gola del Tajo, il Parador de Cazorla verso Cordova tra le riserve naturali dell’Andalusia, ma troverete tutti gli altri parador in questa fornitissima mappa.

Le temperature nel mese di novembre in Andalusia sono gradevoli senza il caldo eccessivo dei mesi estivi, qualche giornata di pioggia potrebbe insinuarsi nella vacanza ma senza eccessi, le giornate soleggiate sono infatti frequenti.

Se vuoi altre idee su dove andare a novembre vai all’elenco dei paesi suddiviso per classifica.

by "QuandoAndare.info"

Ti potrebbe anche interessare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *